Giancarlo Brocci

la storia di un perdente di successo

Giancarlo Brocci

la storia di un

perdente di successo

Seguimi sui miei canali social

Seguimi sui miei canali social

Iscritto d’ufficio a ogni cordata perdente

Come Wil Coyote e Paperino, come Gatto Silvestro ed Ezechiele Lupo, come l’ultimo Inca, come un gorilla di Virunga o una tigre siberiana, come Bitossi a Gap e Poulidor al Tour: perdenti di successo.

Ma quando il gioco è truccato quelli giusti sono i perdenti.

Leggi di più

le ultime da Facebook

20 ore fa

Giancarlo Brocci
IL MONDO DI EROICAUmanità specialeEroica Hispania Special Edition! Certo, Willy non può sentirla come noi, ha sofferto senza colpa un inghippo malefico che ha negato lo svolgimento canonico dell'evento le cui conseguenze stanno in grembo di Giove. Sono stato con lui, Amedeo, la Gujardo ed i Giannini, abbiamo tenuto il fronte con gli oltre 600 convenuti. Ma io, Willy mi capirà, poi me la sono goduta, trasferta, pedalata e gente. Che spettacolo signori! Non so da dove partire, di chi raccontare, quali attori nominare protagonisti. Posso elencare il pranzo cosmopolita, orario spagnolo ore 15, del sabato, preceduto dalla passeggiata di arte itinerante dei quadri di Soro, i racconti di Pepito l'uruguagio, le filosofie dei portoghesi, le risate dei nuovi amici British, il grande Ricky Pepsiman alle prese coi suoi acciacchi, la commozione del nostro ingegnere newyorkese Bob Minsky al dono di un quadro, soggetto familiare, David Lopez da Cenicero e la sua vitalità contagiosa. Poi Giampaolo Boselli, Maria Pascual Martinez e Santiago, un bimbo figlio de L'Eroica. Temi che ognuno varrebbe trattazione, racconti dei soliti sentimenti e sorrisi, il primo patrimonio di questo mondo di fate buone, senza orchi. Ieri abbiamo pedalato, 100 km circa, per nostro conto e siamo stati quasi tutti. Si è seminata e raccolta gioia ma la racconterò nel prossimo post. Questo lo finisco con ciò che mi aveva scritto ieri Artur Lourenco, de Portugal, un pensiero così lindo che non serve tradurre."L Eroica somos nós todos. Nosotros juntos fazemos la Eroica. Los eroicos son diferentes. Hoy foi um dia magnífico em Haro. Nosotros fizemos da tristeza alegria, da angústia camaradagem e felicidade. Gracias a todos companheiros por sabermos desfrutar do que temos. Os eroicos no desistem. Son bravos. Gracias Giancarlo, gracias Willy e a toda a equipa Eroica Hispania. Manhana faremos um passeio com amigos e muita tranquilidade. Lunes me vou a Lisboa feliz por ter vindo a Haro." ... Leggi di piùLeggi di meno
Leggi su Facebook

3 giorni fa

Giancarlo Brocci
EROICA HISPANIA CANCELADAPrima o poi sarebbe successo.Son qua in piazza ad Haro, nuova sede di Eroica Hispania che non si farà. 1600 km di viaggio, tre in macchina con tre bici dentro, bella compagnia di cui essere orgoglioso. Più o meno in cima al Tourmalet, digressione quasi obbligata per vecchi bambini innamorati di ciclismo e suggestioni, ci era stata data una notizia incredibile ma non troppo: Eroica Hispania non si sarebbe fatta. Era risuccesso in questo tempo difficile di pandemia e dintorni; stavolta ho aspettato di parlarne con Willy Mulonia e Amedeo per capire che un inghippo da 20 euro di tassa non compresa, un computer che non sa rispondere oltre la sua luce verde, una responsabilità di altri ha significato l'impossibilità di fare l'evento. Io non sono assuefatto a parlare solo di successi, son qua a dire che immaginavo, prima o poi, un granello su manifestazioni di materia meravigliosa e fragile, dove un cappello da caporale di traverso o un inghippo del fato potesse determinare il risveglio dal sogno.Che ci resta? Al di là delle responsabilità in accertamento (di certo, comunque, non di Eroica né del Comitato Organizzatore di Hispania e tanto meno del Comune di Haro) resta il patrimonio enorme di tutto ciò che il movimento esprime. Ieri sera, a notte avanzata, una grande accoglienza, gli abbracci, i sorrisi di chi, in fondo, l'occasione per ritrovarsi l'aveva colta comunque. Non so che faremo domattina, quanto e per dove pedaleremo, come ripartiremo. Ho un'impressione profonda, però, che un potenziale accadimento disastroso induce: la gente di Eroica esprime un valore umano assoluto che renderà ancora più forte ogni momento promosso in suo nome. Abbiamo un giacimento di materia prima così limpido e potente da non temere crisi, neanche di ulteriore crescita; siamo una risorsa capace di migliorare questo mondo in sentimenti ed ormai ben oltre Gaiole in Chianti capitale. ... Leggi di piùLeggi di meno
Leggi su Facebook

1 settimana fa

Giancarlo Brocci
CICLISMO EROICOQuanto ci stiamo avvicinandoSettimana sui cerchioni, finita adrenalina e arrivato di tutto in termini di raffreddamenti e disagi vari. Poi sono due giorni che la nostra Wind 3 gaiolese ha chiuso per ferie e ci ha rimesso a quarantena social. Provo stasera, qui vicino alla finestra di camera come il nonno del Ciclone, che forse mi attacco a qualcosa. Scrivo con retrogusti, vedete voi quali se del caso. Stamani è passata di qua una tv olandese, abbiamo trascorso bella fetta di mattinata a parlare di Bartali ma subito dopo di Eroica Pro e Strade Bianche, di Van Der Poel e Dumoulin, dello spettacolo del fango nell'ultima Roubaix, una corsa che volevano anacronistica già ad inizi Duemila. Poi siamo passati alla filosofia ben più libera di certi nuovi campioni, tornati a correre tutto l'anno come il Pogacar del Lombardia; quindi oggi ho visto uno spezzone della Parigi - Tours, con tutte quegli chemins de vigne su strada bianca, i francesi come fossero dei Brocci qualsiasi. Nel frattempo mi è arrivata, grazie Franco Menicori, una foto con due perle: il primo depliantino de L'Eroica e l'articolo de La Nazione che riepilogava la prima edizione, tutto a firma di quel Giancarlo Brocci di cui sopra. Il retrogusto? Per gli olandesi di stamani, che conoscevano anche il Giro Bio e la sua parabola, incredibile un'Italia che non riconosce paternità. Ho dovuto spiegare loro che quello del "Nemo propheta in patria" è tanto più vero quanto più si scende di loco, livello e persone. Certo, ho il grande affetto dei miei eroici ma, sinceramente, mi sarei anche un po' rotto le palle a fare il Nemo. ... Leggi di piùLeggi di meno
Leggi su Facebook

Le pubblicazioni

Ciclismo eroico, lunga vita e molto altro.
Scopri di più

Le pubblicazioni

Ciclismo eroico, lunga vita e molto altro.
Scopri di più