Giancarlo Brocci

la storia di un perdente di successo

Giancarlo Brocci

la storia di un

perdente di successo

Seguimi sui miei canali social

Seguimi sui miei canali social

Iscritto d’ufficio a ogni cordata perdente

Come Wil Coyote e Paperino, come Gatto Silvestro ed Ezechiele Lupo, come l’ultimo Inca, come un gorilla di Virunga o una tigre siberiana, come Bitossi a Gap e Poulidor al Tour: perdenti di successo.

Ma quando il gioco è truccato quelli giusti sono i perdenti.

Leggi di più

le ultime da Facebook

3 giorni fa

Giancarlo Brocci
DIARIO MINIMOIl concetto di vita largaNon so se serve ad altri, di certo a me aiuta ogni tanto rileggere. È un modo per dare quantità a questa parte tarda di vita, che qualità ognuno la vive come crede. A me che ho parlato spesso di lunga vita piace molto, però, anche questo recente concetto di larghezza, estensione non per anni ma per quante connessioni, esperienze, emozioni ci è dato vivere. Lunedì sera sono andato ad Arezzo a sentire Riccardo Nencini, senatore, segretario di ciò che resta del Psi e con esso di tutta la Prima Repubblica. Lo trovo uno scrittore eccellente, questa volta presentava "Solo", un libro cospicuo su Giacomo Matteotti, quei tragici periodo e fine di un politico che non si piegò. In conclusione mi ha riservato lo spazio di un incontro, per un vissuto comune fatto di Eroica Pro e Giro Bio, di Mondiali a Firenze e di rapporti storici con Regione Toscana. Poi ieri mattina, ci siamo trovati con Franco Rossi a Brolio per rapportarsi con la Barone Ricasoli in vista di una ripartenza importante nonché promettente. Quando vengo via, già in macchina, mi blocca un ragazzino in bici: "Scusi signore, sa darmi delle informazioni su Eroica?". Troppo bello per essere vero ma lo era. "Mi sa dire da dove comincia la strada bianca?" È col babbo, si chiama Lorenzo da Pino Torinese, hanno noleggiato due gravel a Gaiole. Foto, sorrisi, saluti. Ieri sera Castello di Verrazzano, cena degli aneddoti su Eroica Montalcino e padrone di casa Luigi Cappellini che si collega anche con New York, tutti già a pregustare i prossimi momenti eroici.È vero che anche le foto in bici mi confermano sopraggiunta larghezza, ma comincio a non lamentarmi neanche dell'estensione di vita. E se diventasse pure lunga qualche altra soddisfazione, morale of course, magari ce la toglieremo ancora. ... Leggi di piùLeggi di meno
Leggi su Facebook

5 giorni fa

Giancarlo Brocci
Il segmento "In Rilievo", trasmesso da Siena tv, in occasione di Eroica Montalcino ... Leggi di piùLeggi di meno
Leggi su Facebook

5 giorni fa

Giancarlo Brocci
ABBRACCIO AI SIBILLINIE a diversa bella genteUn fine settimana di affetti, un calore non solo meteo, un bisogno di estate interiore dove domandarmi se e quanto il mio essere, principi e valori compresi, abbia rotto coglioni in serie o prodotto gioia ed amicizia, come sostiene un popolo tutto. Prima, sabato tardo, sono andato alla presentazione di un libro cui toccare con mano anche certi rapporti istituzionali, con politica e dintorni. Stefano Scaramelli, vicepresidente Consiglio Regionale, presentava il racconto "Chiudi la finestra", la storia della sua positività precoce al Covid e la disponibilità a fornire anticorpi per il prof Rino Rappuoli, scienziato di chiara fama, presente anch'esso a spiegare come il suo monoclonale marcato TLS, il nostro farmaco senese, sia il più efficace al mondo ma manchino ancora, tipica burocrazia italica, adeguate collaborazioni per la necessaria sperimentazione clinica. Poi siamo andati, per una volta con Patrizia, a Norcia, accolti da Doc Cesare Galletti e da un bel gruppetto di fedelissimi eroici. Ieri c'era da pedalare su per Castelluccio, una trentina di km di salita da Tour, bella costante senza picchi. Un concentrato di letizia, gente speciale come i luoghi, con le vecchione del trio Cascioli, Rinaldi, Squeo, col Berti sempre più in forma intrattenitore, meno in forma ciclistica, il che mi ha consentito persino una discreta figura di passista-scalatore(!). Quindi il solito, grande Giordano Cioli fotoreporter, gli aquilani compreso Pippone, la tromba del Bigi, il Fabio Neri ed i nostri affetti familiari, gli impagabili padroni di casa, ospitanti deliziosi, un mezzo al seguito che fa le bizze, il luogo della croce dell'Apolloni, il progetto di una Gaiole-Cosseria prossima. E quando arrivi a Castelluccio, semimorto ma mollare mai, rendersi conto che anche tra la miriade di moto, camper e turisti della domenica il nostro mondo è ben noto, compreso il suo babbo, richiesto per diverse foto-ricordo. Problema? Mettersi in linea ed in forma. A rappresentare tanta bellezza percepita uno dei ciclisti più antiestetici; in questo campo è sicuro che Brocci senior dovrà fare meglio! Per il resto, fierissimo di aver messo insieme tanta bella gente. ... Leggi di piùLeggi di meno
Leggi su Facebook

Le pubblicazioni

Ciclismo eroico, lunga vita e molto altro.
Scopri di più

Le pubblicazioni

Ciclismo eroico, lunga vita e molto altro.
Scopri di più